Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy    
Bologna Fiere

Dove

Quartiere Fieristico di Bologna

Ingressi:
Ovest Costituzione
Est Michelino

Giorni e orari

Venerdì 9, Sabato 10,
Domenica 11
Settembre 2016:
dalle 9.30 alle 18.30

Lunedì 12 Settembre 2016:
dalle 9.30 alle 17.00

Chi può accedere

La manifestazione è aperta al pubblico

Prezzi

Acquista qui il tuo TICKET ONLINE:

Ingresso giornaliero € 8,00

Novità: SANA PASS (4 giorni) € 20,00

Il biglietto giornaliero, del valore di
€ 10.00, potrà essere acquistato
all'arrivo in Fiera, ingresso Ovest Costituzione – Est Michelino

Accesso gratuito per i bambini di età inferiore ai 12 anni

Contatti

Show office:

BolognaFiere S.p.A.
Piazza Costituzione 6 - 40128 Bologna
Tel. 0039-051.282111
Fax. 0039-051.6374031
sana@bolognafiere.it

Bologna
venerdì 8 - lunedì 11
settembre 2017

Programma Eventi SANA

Filtra per:

9
set

11:30 - 13:30

L’AGRICOLTURA BIOLOGICA: UN’OPPORTUNITA’ STRATEGICA PER IL PAESE.

I valori e il valore del biologico SALA CONCERTO Centro Servizi, 1° piano, Blocco D

Il bio non è più solo il frutto della libera scelta di alcuni ma è ormai riconosciuto come una grande opportunità per l’agroalimentare del nostro Paese

APPROFONDIMENTO

Organizzato da: SANA

9
set

16:00 - 18:00

TUTTI I NUMERI DEL BIO ITALIANO

I valori e il valore del biologico SALA NOTTURNO Centro Servizi 1° piano, Blocco D

Presentazione dei dati dell'Osservatorio SANA a cura di Nomisma e presentazione dei dati di SINAB-MiPAAF e di ISMEA

Organizzato da: SANA
Con il sostegno di: ICE
In Collaborazione con: MiPAAF e ISMEA

10
set

10:30 - 12:30

COLLAGENE E FOTO-INVECCHIAMENTO: LA PREVENZIONE TRA “COSMETOFOODS” E “FOOD GRADE COSMETICS®”

SANA Academy SALA MADRIGALE Ingresso MICHELINO, 1° piano

Il collagene rappresenta una delle più importanti proteine strutturali del nostro corpo ed è noto che l’azione delle radiazioni solari sulla pelle produce un’alterazione strutturale dermica, con insorgenza di rughe profonde, perdita dell’elasticità cutanea e insorgenza di problematiche tipiche della pelle precocemente invecchiata. 

Un approccio al mantenimento del nostro “patrimonio” di collagene (sistemico-topico) può essere ottenuto attraverso due strategie: attraverso la sua reintegrazione mediante nutrizione e integrazione alimentare e attraverso la protezione fornita dai prodotti solari. Gli studi del gruppo di ricerca del prof. Manfredini sono da anni rivolti alla elucidazione dei meccanismi molecolari che sottendono all’invecchiamento precoce e alla valorizzazione di nuovi ingredienti funzionali per lo sviluppo sia di integratori e alimenti (“Cosmeto-Food”) sia di cosmetici.

La consapevolezza della naturale bioaffinità tra cibo e pelle, ha portato il team di ricercatori a riflettere sulla tipologia di prodotti che vengono applicati e a proporre una nuova classe di prodotti cosmetici “sostenibili” che è stata denominata “food grade cosmetics®”. 

Insieme all’approfondimento dei due concetti sopra esposti, all’importanza della fotoprotezione per contrastare il processo di invecchiamento dovuto all’alterazione delle strutture dermiche da parte dei raggi UV, il seminario prevedrà una parte interattiva in cui le abitudini alimentari e cosmetiche dei partecipanti saranno messe in relazione con lo stato di “salute” del proprio collagene, misurato attraverso tecniche strumentali bio-ingegneristiche, che consentono di trarre suggerimenti per un intervento dermocosmetico e/o nutrizionale volto al miglioramento della funzionalità e dello stato di salute di organi e tessuti, in particolare della pelle.

 

APPROFONDIMENTO

Organizzato da: SANA ACADEMY

10
set

15:00 - 17:00

LA DIETA MEDITERRANEA COME STRATEGIA NUTRIZIONALE PER STARE IN SALUTE A TUTTE LE ETÀ E VIVERE A LUNGO

SANA Academy SALA MADRIGALE Ingresso MICHELINO, 1° piano

La Dieta Mediterranea è un modello alimentare tipico delle popolazioni dei Paesi che si affacciano sul mare Mediterraneo ed è caratterizzata da un elevato apporto di verdure, frutta, cereali integrali, legumi e da un prevalente apporto di pesce e olio di oliva. È basso invece l’apporto di grassi saturi come il burro e altri grassi animali, di latticini, carni rosse e pollame, mentre è presente un regolare e moderato consumo di vino rosso, assunto durante i pasti.


Dagli studi condotti nel secondo dopoguerra (1945) dal ricercatore statunitense Ancel Keys emerse che questo tipo di alimentazione consentiva alle popolazioni di questi Paesi, come Italia e Grecia, di avere aspettative di vita e condizioni di salute migliori rispetto alle popolazioni del Nord Europa e degli Stati Uniti. Nel 2010 la Dieta Mediterranea è stata riconosciuta un Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO, che nelle motivazioni di questa scelta ne ha evidenziato le caratteristiche di “stile di vita” e non di semplice regime dietetico.

Diversi studi epidemiologici hanno confermato che la Dieta Mediterranea svolge un ruolo di promozione della salute, in particolare per quanto riguarda la prevenzione delle malattie cardiovascolari e di altre malattie croniche. In questo contesto il progetto europeo NU-AGE, coordinato dal prof. Claudio Franceschi dell’Università di Bologna, cominciato nel 2011 e terminato lo scorso mese di maggio, rappresenta uno strumento importante per capire come l’alimentazione possa migliorare la salute e la qualità della vita negli anziani.


Il prof. Franceschi e il suo gruppo di ricerca sono pionieri nell’ambito degli studi sui centenari; nel 2000 hanno proposto l’infiammazione cronica e di basso grado (denominata “inflammaging”) come una delle caratteristiche e delle cause principali dell’invecchiamento umano.


In questo seminario saranno approfondite le peculiarità della Dieta Mediterranea come strumento potente e flessibile per raggiungere una modulazione permanente e sistemica del processo di infiammazione cronica, che è causa di diverse malattie e parte integrante della risposta allo stress in tutte le fasi della vita e in particolare negli anziani.

APPROFONDIMENTO

Organizzato da: SANA ACADEMY

11
set

15:00 - 17:00

BIODISPONIBILITÀ DELLE SOSTANZE FITOCHIMICHE: LE BIOTRASFORMAZIONI INTESTINALI E LE LORO CONSEGUENZE SULLO STUDIO DEI POLIFENOLI

SANA Academy SALA MADRIGALE Ingresso MICHELINO, 1° piano

Nell’oscurità della pancia accadono cose meravigliose, di cui la ricerca sta raccontando gli esiti solo da pochi anni, che influenzano l’effetto fisiologico e preventivo di molti metaboliti secondari vegetali assunti con la dieta, con gli integratori o con i fitoterapici. Tutto questo ha conseguenze inattese non solo sulla nostra salute, ma anche sulla lettura dei dati degli studi che cercano di validare l’azione delle piante medicinali, sul modo con cui dovremmo studiare questi temi in futuro e, non ultimo, sull’efficacia dei prodotti che le contengono.


La ricerca scientifica sugli effetti salutistici di buona parte dei metaboliti secondari di origine vegetale risente di limiti, che condizionano considerevolmente la traduzione del dato sperimentale in una concreta valenza fisiologica. Questi limiti, soprattutto quando sono omessi o parzialmente spiegati, si traducono in una distorsione della comunicazione che giunge ai consumatori. Cinque sono i punti chiave che verranno trattati durante l'intervento con una serie di esempi pratici: 1) l'uso di metodi in vitro che non hanno una vera rilevanza rispetto alla fisiologia umana: 2) l'uso di dosi sovente impossibili da riprodurre a livello fisiologico; 3) la valutazione di molecole che non corrispondono a quelle davvero circolanti nel nostro organismo; 4) l’utilizzo di formulazioni la cui composizione non è, per lavorazione, dosi e ingredienti, analoga a quella degli studi disponibili; 5) la costruzione di una narrativa scientifica che va incontro più alle esigenze dei ricercatori e delle aziende che alle aspettative dei consumatori. La letteratura scientifica degli ultimi 5-10 anni ha per esempio dimostrato che i polifenoli subiscono drastiche modifiche all’interno del tratto digerente e dopo l'assorbimento. Tali trasformazioni, operate dal metabolismo umano e dalla microflora intestinale, portano alla formazione di nuove molecole circolanti.

L'esito della trasformazione e gli effetti sull'organismo inoltre variano da persona a persona e ovviamente variano rispetto ai composti di partenza, su cui tuttavia è condotta la maggior parte degli studi pre-clinici e costruita parte della presentazione dei fitoderivati. 

APPROFONDIMENTO

Organizzato da: SANA ACADEMY

11
set

16:00 - 16:45

CERIMONIA DI PREMIAZIONE DI “SANA NOVITA’ 2016”

I valori e il valore del biologico Area SANA Novità Centro Servizi, piano terra

Organizzato da: SANA